Regolamento (UE) 2022/2104 sulla commercializzazione dell’olio di oliva

Dal 24 novembre 2022 entra in vigore il Regolamento delegato (UE) 2022/2104 in cui sono riepilogate le norme sulla commercializzazione dell’olio di oliva e la sua etichettatura.

La Commissione europea ha emanato il Regolamento (UE) 2022/2104 del 29 luglio 2022 che integra il regolamento (UE) n. 1308/2013 del Parlamento europeo e del Consiglio per quanto riguarda le norme di commercializzazione dell’olio di oliva e che abroga il regolamento (CEE) n. 2568/91 della Commissione e il regolamento di esecuzione (UE) n. 29/2012 della Commissione.

L’olio di oliva è un prodotto con prezzo di mercato relativamente alto a confronto con altri grassi vegetali, è stato ritenuto opportuno quindi stabilire le norme di commercializzazione in modo da garantire la qualità del prodotto e combattere il pericolo di frodi.

Tale Regolamento (UE) 2022/2104 viene applicato per le caratteristiche degli oli di oliva e per le specifiche norme della loro commercializzazione, quando sono venduti al consumatore finale, presentati come tali o contenuti in un prodotto alimentare.

Per poter distinguere le differenti tipologie di olio di oliva è necessario determinare le caratteristiche fisico-chimiche di ogni categoria. Nell’allegato I vengono riportate due tabelle con i requisiti dell’olio di oliva; nella prima vengono trattate le caratteristiche di qualità di ciascuna categoria e nella seconda le caratteristiche di purezza.

L’articolo 3 tratta le miscele e olio di oliva in altri prodotti alimentari; sono quindi definiti gli oli che possono fare parte di miscele di oli di oliva e di altri oli vegetali e quelli che possono essere incorporati in altri prodotti alimentari. Gli Stati membri sono autorizzati a vietare la produzioni di tali miscele sul loro territorio; tuttavia, non possono impedirne la commercializzazione di miscele provenienti da altri territori o la loro produzione per la commercializzazione in un altro Paese.

Per il commercio al dettaglio occorrerà prevedere imballaggi di dimensioni ridotte provvisti di sistema di chiusura atti a garantire l’autenticità dell’olio di oliva. Per gli oli destinati al consumatore finale la capacità massima è di cinque litri, mentre per oli destinati al consumo in ristoranti, mense o collettività, gli Stati membri possono fissare un limite massimo superiore ai cinque litri.

La norma ne definisce l’etichettatura; la denominazione legale deve risultare nel campo visivo principale, per l’olio extra vergine di oliva e per l’olio di oliva vergine è richiesto anche il luogo di origine in etichetta.

Per gli oli di oliva vergine e extra vergine in cui l’origine è riferita all’Unione europea o a uno Stato membro questa è un’indicazione non solo del luogo di raccolta delle olive ma anche delle tecniche di estrazione e delle pratiche che incidono sulla qualità e sul sapore dell’olio. Il luogo di origine dovrebbe quindi riferirsi alla zona geografica nella quale l’olio di oliva è stato ottenuto, che di norma corrisponde alla zona nella quale è stato estratto dalle olive. Tuttavia, se il luogo di raccolta delle olive è diverso da quello di estrazione dell’olio, è opportuno che tale informazione sia indicata sugli imballaggi per non indurre in errore il consumatore e non confondere il mercato.

Per ogni tipologia di olio viene riportata un’informazione aggiuntiva, di seguito quanto indicato nella norma:

  • per l’olio extra vergine di oliva: «olio di oliva di categoria superiore ottenuto direttamente dalle olive e unicamente mediante procedimenti meccanici»;
  • per l’olio di oliva vergine: «olio di oliva ottenuto direttamente dalle olive e unicamente mediante procedimenti meccanici»;
  • per l’olio di oliva composto da oli di oliva raffinati e da oli di oliva vergini: «olio contenente esclusivamente oli di oliva che hanno subito un processo di raffinazione e oli ottenuti direttamente dalle olive»;
  • per l’olio di sansa di oliva:
    • «olio contenente esclusivamente oli derivati dalla lavorazione del prodotto ottenuto dopo l’estrazione dell’olio di oliva e oli ottenuti direttamente dalle olive»; oppure
    • «olio contenente esclusivamente oli provenienti dal trattamento della sansa di oliva e oli ottenuti direttamente dalle olive».

Tra le menzioni riservate facoltative da inserire in etichetta ci sono le indicazioni:

  • “prima spremitura a freddo”
  • “estratto a freddo”
  • caratteristiche organolettiche relative al gusto o all’odore possono figurare unicamente per gli oli di oliva vergini e extra vergine
  • acidità massima prevista alla data del minimo di conservazione

In etichetta può essere riportato il metodo di conservazione del prodotto, per informare il consumatore ed evitare che luce e calore abbiano effetti negativi sulla qualità dell’olio di oliva.

 

Se hai trovato interessante il nostro articolo, condividilo e lasciaci un commento!

Vuoi approfondire l’argomento e capire cosa possiamo fare per te?

Contattaci!

Un commento a “Regolamento (UE) 2022/2104 sulla commercializzazione dell’olio di oliva

  1. Luciamo
    8 Maggio 2023

    La dicitura corretta per l’olio evo deve indicare dove le olive sono coltivate e dove lavorate. Ad esempio: olio prodotto in Italia con olive coltivate on Italia. Per il DOP la zona di coltivazione ed il luogo di produzione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *