Nel segno della tradizione, l’inizio di Almater

La fondazione nel 2012 di Almater da parte di tre Tecnologi Alimentari rappresenta un capitolo coraggioso nel settore, sottolineando competenza e impegno nel mondo alimentare in evoluzione.

Tre giovani Tecnologi Alimentari al servizio del settore alimentare

Giovani coraggiosi, che non temono la crisi ed accettano la sfida. E’ la storia di Alfredo Gris, Erika Daniel e Massimo Scuccato che hanno inaugurato venerdì 26 ottobre 2012 Almater, una società specializzata in materia alimentare. Nonostante la pioggia, grande successo per l’evento che ha sancito il via ufficiale ad una delle poche realtà professionali di questo tipo.

Viene intervistato il dott. Alfredo Gris.

Come mai un giovane fa un percorso di studi così specifico?

“Nel mio caso ho seguito due ottimi consigli. Mio padre mi aveva parlato di questo corso di laurea. Teneva ad indirizzarmi verso una facoltà che potesse aprirmi delle buone prospettive occupazionali. Nello stesso periodo un amico iscritto ad Udine me ne parlò molto bene: ho fatto uno più uno ed ho deciso.”

In che cosa consiste il vostro lavoro?

“Le realtà operanti nel comparto alimentare sono giornalmente oggetto di nuovi provvedimenti legislativi. Risulta di fondamentale importanza, per una corretta gestione della produttività, potersi affidare a consulenti validi, dinamici e professionali. E’ per questo motivo che nasce Almater, società nella quale io, Erika Daniel e Massimo Scuccato, tutti Tecnologi Alimentari dell’Ordine Professionale Veneto, abbiamo unito le nostre esperienze, competenze e professionalità con il preciso scopo di assistere gli operatori del settore alimentare nel far fronte alle richieste di un mercato in crescita. La professione di Tecnologo Alimentare è molto specifica e deve sottostare a regole precise e puntuali. Una grande preparazione, una meticolosa formazione ed il rispetto di un codice deontologico con regole dettagliate e precise caratterizzano questa figura professionale.”

 

Per leggere l’intero articolo e scaricare il pdf, clicca qui.

 

Se hai trovato interessante il nostro articolo, condividilo e lasciaci un commento!

Vuoi approfondire l’argomento e capire cosa possiamo fare per te?
Contattaci!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *