FSSC 22000: pubblicata la versione 4

[quote align=”center”]Il 22 dicembre scorso è stata pubblicata la versione 4 dello schema di certificazione FSSC 22000 in applicazione dal primo gennaio 2018.[/quote] Grazie all’esperienza maturata dell’applicazione della versione 3 negli anni scorsi e alle aspettatve dei maggiori stakeholders, FSSC 22000 ha apportato importanti novità per migliorare le misure di sicurezza ed il rigore. Le maggiori novità e nuovi requisiti riguardano: Conduzione di audit … Continued

[quote align=”center”]Il 22 dicembre scorso è stata pubblicata la versione 4 dello schema di certificazione FSSC 22000 in applicazione dal primo gennaio 2018.[/quote]

Grazie all’esperienza maturata dell’applicazione della versione 3 negli anni scorsi e alle aspettatve dei maggiori stakeholders, FSSC 22000 ha apportato importanti novità per migliorare le misure di sicurezza ed il rigore.

Le maggiori novità e nuovi requisiti riguardano:

  • Conduzione di audit non annunciati;
  • Introduzione delle non conformità critiche;
  • Prevenzione di contaminazioni non intenzionali dei prodotti;
  • Report di audit standardizzato;
  • Il Trasporto e l’immagazzinamento, servizi di ristorazione / catering e le industrie al dettaglio / all’ingrosso;

Questa nuova versione dello schema è il risultato di 14 mesi di consultazioni a livello globale tra tutti i principali stakeholders coinvolti nella filiera alimentare come industria, enti di certificazione, accreditamento, società di formazione e enti governativi.

La versione 4 sarà in applicazione dal prossimo 1 gennaio 2018.

(fonte FSSC 22000 web site – www.fssc22000.com).

Il metodo ALMATER prevede un’assistenza qualificata da parte di professionisti per accompagnare le aziende verso un adeguamento o aggiornamento senza sorprese:

  • Audit preventivi di verifica dello status aziendale;
  • Assistenza, formazione e soluzioni per l’adeguamento;
  • Assistenza durante le verifiche ufficiali degli enti di certificazione;

Vai alla nostra sezione dei servizi per scoprire tutto sullo standard FSSC 22000 >>

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *