Meat Sounding: Nuove regole con l’emendamento approvato al Senato

Approvato emendamento al senato per vietare i termini che fanno riferimento alla carne per prodotti vegetali, tutelando zootecnia e informando i consumatori.

Nuove direttive per le denominazioni alimentari

Recentemente, al Senato della Repubblica italiana, è stato approvato un emendamento all’articolo 2-bis della proposta di legge sugli alimenti “sintetici” (DDL n. 651), rappresentando un passo significativo verso la regolamentazione delle denominazioni per i prodotti a base di proteine vegetali. Questo emendamento vieta l’uso di nomi che richiamano la carne e i suoi derivati per prodotti trasformati contenenti proteine vegetali.

 

Questa modifica normativa si inserisce in un contesto più ampio in cui in Italia sono attualmente in fase di esame due proposte di legge miranti a regolamentare le denominazioni dei prodotti a base di proteine vegetali. La più recente, approvata il 5 luglio dalla 9° Commissione del Senato, è un emendamento alla proposta di legge n. 651, presentata il 7 aprile 2023 su iniziativa congiunta dei Ministri Lollobrigida e Schillaci. Questa proposta è intitolata “Disposizioni in materia di divieto e di immissione sul mercato di alimenti e mangimi sintetici” ed è attualmente all’esame del Senato.

 

L’emendamento all’articolo 2-bis della proposta di legge sugli alimenti “sintetici” è caratterizzato da disposizioni specifiche. Esso vieta l’uso di denominazioni legali, usuali e descrittive riferite alla carne o ai suoi derivati per prodotti trasformati contenenti esclusivamente proteine vegetali. Altresì, proibisce riferimenti a specie animali, terminologie proprie della macelleria o nomi di alimenti di origine animale rappresentativi degli usi commerciali per tali prodotti.

 

Un elemento chiave di questa regolamentazione è la tutela del patrimonio zootecnico nazionale, riconoscendone il valore culturale, socio-economico e ambientale. Si mira inoltre a garantire un elevato livello di tutela della salute umana e degli interessi dei consumatori, assicurando il diritto a un’informazione accurata sulla composizione degli alimenti.

 

La proposta di legge contro il meat sounding

È in corso un’esaminazione presso la Camera dei Deputati della proposta di legge n. 746 intitolata “Disposizioni in materia di denominazione dei prodotti alimentari contenenti proteine vegetali”. Questa proposta, composta da 7 articoli, ha come obiettivo la corretta designazione dei prodotti contenenti proteine vegetali e vieta l’uso di denominazioni legate alla carne per evitare di confondere i consumatori sulla composizione di tali prodotti.

Tutela del patrimonio zootecnico e dei consumatori

Un aspetto cruciale di queste normative è la loro duplice finalità, come indicato dal legislatore: da un lato, proteggere il patrimonio zootecnico nazionale e riconoscerne il suo valore culturale, sociale ed economico; dall’altro, garantire un adeguato livello di tutela della salute umana e dei consumatori, assicurando loro il diritto all’informazione corretta sulla composizione degli alimenti che consumano.

 

Precedenti giuridici e applicazioni normative

Fonti legali e giuridiche come la sentenza della Corte di Giustizia Europea del 2017 (causa C-422/16) hanno stabilito l’importanza di evitare l’utilizzo di denominazioni riservate ai prodotti lattiero-caseari per indicare prodotti puramente vegetali, garantendo condizioni di concorrenza equa e informazioni corrette per i consumatori.

 

È importante notare che, nonostante i tentativi legislativi in corso, nell’Unione Europea termini come mortadella, hamburger e salsiccia possono ancora essere associati a prodotti lavorati con soli ingredienti vegetali, dato il respingimento degli emendamenti presentati alla riforma della PAC nel 2020.

 

In conclusione

L’evoluzione normativa in corso rappresenta un passo significativo nel regolare il modo in cui i prodotti a base di proteine vegetali sono presentati e denominati sul mercato, mirando a garantire un’informazione accurata e una maggiore chiarezza per i consumatori.

 

Se hai trovato interessante il nostro articolo, condividilo e lasciaci un commento! 

Vuoi approfondire l’argomento e capire cosa possiamo fare per te?
Contattaci!

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *