Covid-19: in aumento le frodi alimentari | Almater news

Covid-19: in aumento le frodi alimentari

Durante l’attuale pandemia le frodi di carattere alimentare sono in costante aumento.

Food Authenticity Network Advisory e Food Standard Scotland monitorando costantemente il settore agroalimentare sottolineano come l’attuale pandemia stia aumentando il rischio di frodi.
Un’ulteriore conferma sono gli oltre 40 milioni di dollari di cibo e bevande sequestrati durante i controlli effettuati quest’estate da Interpol ed Europol durante l’operazione Opson IX. Tra i prodotti sequestrati troviamo formaggi con E.Coli, carne di animali macellati illegalmente e 6500 litri di bevande scadute.

L’emergenza pandemica ha avuto un forte impatto sulla domanda e sull’offerta di un’ampia gamma di ingredienti alimentari, imballaggi, coadiuvanti tecnologici e disinfettanti a causa di conseguenze economiche e sociali negative generiche della pandemia che possono coinvolgere più o meno linee di fornitura specifiche.

I fattori da non sottovalutare, visto il periodo particolare in cui ci troviamo, sono:

Rapida evoluzione dell’offerta:

  • Chiusura parziale o totale di interi settori industriali all’interno di un paese;
  • Chiusura parziale o totale di interi impianti di produzione e/o di stoccaggio e vie di trasporto;
  • Mancanza di manodopera;
  • Necessità dei fornitori di cercare nuove e non sperimentate fonti per evadere gli ordini.

Rapida evoluzione della domanda:

  • Acquisti dettati dal panico e accumulo di scorte da parte dei consumatori;
  • Eccesso di scorte nel settore della ristorazione a causa della chiusura dei locali/mense;
  • Forte domanda di ingredienti fondamentali.

Affaticamento finanziario all’interno dell’industria alimentare:

  • Le aziende si potrebbero trovare sotto pressione per ridurre i costi delle materie prime per scongiurare possibili licenziamenti del personale o per far fronte ai debiti esistenti.

Riduzione della governance e della supervisione:

  • Sospensione temporanea degli audit di seconda e terza parte;
  • Nessuna visita in loco.

Queste sono alcune delle condizioni che i criminologi prevedono che possano indurre individui onesti a cadere in tentazione ed essere parte di queste frodi.

Di conseguenza, come dimostrato anche da alcuni studi, questa emergenza ha portato a un incremento della probabilità di frode alimentare anche se spesso con una base di prove molto bassa.

“Condividendo le migliori pratiche e lavorando insieme” ha dichiarato Selvarani Elahi, Direttore esecutivo, Food Authenticity Network “possiamo ridurre al minimo l’impatto delle frodi alimentari. Questo è il motivo per cui abbiamo creato una pagina dedicata al COVID-19 che riunisce le risorse globali disponibili per aiutare le aziende a combattere le frodi alimentari”.

Fonti: Institute of Food Science and Technology, www.foodnavigator.com

Contattaci per una consulenza dedicata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Dai valore alla tua carriera, scopri il nuovo Master Executive in Management della Qualità e Sicurezza Alimentare

X