Cadmio e piombo: nuovi limiti più severi per alcuni prodotti alimentari

Cadmio e piombo: nuovi limiti più severi per alcuni prodotti alimentari

Il Regolamento 2021/1323 e il Regolamento (UE) 2021/1317 hanno modificato il Regolamento (CE) 1881/2006 per quanto riguarda i tenori massimi, rispettivamente, di cadmio e piombo in alcuni prodotti alimentari.

Il Regolamento (CE) N. 1881/2006 della Commissione definisce i tenori massimi di alcuni contaminanti nei prodotti alimentari, tra cui quelli dei metalli pesanti.

Il Regolamento UE 2021/1323 è entrato in vigore il 31 agosto 2021 e il suo allegato ha sostituito la sottoparte 3.2 (Cadmio) dell’allegato, parte 3 del Regolamento (CE) N. 1881/2006, modificando i limiti di cadmio in prodotti quali cereali, frutta e frutta guscio, ortaggi, funghi, legumi, semi oleaginosi, alcuni alimenti per la prima infanzia e sale.

Per quanto riguarda il piombo, invece, il Regolamento (UE) 2021/1317, entrato in vigore il 30 agosto 2021, ha posto limiti più restrittivi per alimenti come alimenti per la prima infanzia, frattaglie di varie specie animali e prodotti vitivinicoli, mentre ha stabilito nuovi limiti di piombo per formule per bambini, alcuni ortaggi, funghi, spezie, vini liquorosi e sale.

Entrambi i regolamenti stabiliscono che gli alimenti che hanno subìto modifiche e messi sul mercato prima dell’entrata in vigore dei regolamenti sopra citati potranno rimanere sul mercato fino al 28 febbraio 2022.

Per un maggiore approfondimento:

Fonte: EUR-Lex

 

Vuoi approfondire l’argomento e capire cosa possiamo fare per te?

Contattaci!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Dai valore alla tua carriera, scopri il nuovo Master Executive in Management della Qualità e Sicurezza Alimentare

X